Modulo creato da J!MatHome
Area Riservata
Venerdì 15 Nov 2019
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Vista e cervello

Certe ragazze preferiscono essere belle piuttosto che intelligenti. Non hanno tutti i torti: moltissimi ragazzi hanno la vista piu sviluppata del cervello.

Bill Laurence

I ragazzi del sogno PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 22 Giugno 2010 22:18

Dietro la fondazione del Cegio ci sono dei volti, ci sono storie di persone, famiglie, una piccola borgata.

I bambini del catechismo. Un catechismo fatto di giochi e dinamiche, vivo, di quelli che non si dimenticano. Dietro le quinte ci andavano anche i grandi ad ascoltare. Quei pochi bimbi erano tutti i bimbi del paese. Un paese con pochi bimbi, un paese con poco futuro.

Come cresceranno questi bimbi?

La televisione e il computer avranno il sopravvento su di loro.

Certamente la vita di città, lì dove andranno a scuola, li assorbirà e li farà suoi.

Cosa resterà?

Chi resterà?

Un sogno.

Qui, su queste colline ormai disabitate e abbandonate, ci potranno essere i nipoti di questi ragazzi e tanti altri, uniti da un sogno: una valle dove ci si  unisce sui valori, una valle dove i  ragazzi crescono fin da piccoli educati alla libertà di pensiero, alla maturità, all’amore per l’altro, per la società, per l’ambiente, per la civiltà.

Pensa se si mettessero insieme e facessero impresa, organizzazione sociale, accoglienza, progetto.

C’è un largo fiume da guadare: vivere e operare con pochissime soddisfazioni per tanto tempo; essere pionieri e partire da zero; essere dono per gli altri, quelli intorno a me e quelli che verranno dopo.

Ma, ecco, nuovi Cegio sono nati, sono in rete, si organizzano e condividono, sono tanti, si diffondono: aiuto, è scoppiato l’amore!

Questi sono i ragazzi del Cegio.

I ragazzi del sogno.

Quanti anni ci vorranno perché  il sogno si realizzi? Tanti.

Ehi, ma cos’hai mangiato? Che sogni fai?